II^ lettera alla Ministra Grillo Comitato Pro Ospedali Pubblici Marche

Raccomandata r.r. Riservata Personale

Fossombrone li 22 Febbraio 2019

Gent.ma Sig.ra Ministro GIULIA GRILLO

SEDE . Via Lungotevere Ripa 1 00153 ROMA

Avendole inviato una Raccomandata RR , ormai oltre 4 mesi fa, ed esattamente il 17 Ottobre 2018, e non avendo avuto la Lei alcuna risposta, ci premuriamo di ricordarle il dramma sanitario in corso nella nostra Regione Marche, sia a causa dell’applicazione del pessimo Piano Sanitario ormai scaduto 5 anni fa, sia per le delibere di Giunta regionale marhigiana che, dalla scadenza ad oggi, hanno imposto una organizzazione dl caos e di inefficienza, aggravate dalla chiusura scellerata di ben 13 Ospedali con bacini di utenza di decine di migliaia di abitanti, tutti del medio/alto entroterra.Le ricordiamo che i pochi Ospedali, in seguito rimasti, scoppiano ora nei Pronto Soccorso e nei ricoveri, generando un putiferio non piu’ sopportabile da malati e dalle loro famiglie, ormai autentiche carovane di nomadi anche per centinaia di chilometri . Per riequilibrare il dramma, oltre che il mantenimento ed il potenziamento dei Nosocomi attualmente esistenti,necessita la riapertura immediata dei 13 Ospedali chiusi.Negando ed ostacolando ogni iniziativa Regionale di Ospedali Unici Provinciali.

La bozza del nuovo Piano Sanitario 2019/2021, approvata dalla Giunta Regionale Marche il 28 Gennaio 2019 fotografa un inevitabile peggioramento della caotica situazione in atto, imprimendo una assurda spinta,che e’ ingiustificabile senza veri Ospedali di Prossimita’( e non cronicari o Strutture extraospedaliere ex Ospedali), verso una medicina territoriale,CHE E’ SBANDIERATA COME FULCRO DEL PIANO SANITARIO NUOVO, incentrata su figure in carico ai Distretti, e con un solo Unico Ospedale Provinciale con relativo Unico Pronto Soccorso Provinciale,o con un solo Ospedale per Provincia in affiancamento, privo, peraltro, di specializzazioni e reparti complessi e con il conseguente Pronto Soccorso limitato.

Se la situazione non e’ sopportabile ora nella nostra Regione Marche, sara’ infernale dopo l’approvazione e l’applicazione di questo Nuovo Piano Sanitario, rigidamente incentrato sul rispetto delle linee guida del DM 70 Balduzzi, Ministro del Governo Monti; DECRETO MINISTERIALE da noi considerato UMANAMENTE e FUNZIONALMANTE scandaloso.

Le ricordiamo che il nostro Comitato, l’ unico nelle Marche che abbraccia Comitati di tutte e cinque le Provincie, ha elaborato una proposta, “POLICENTRICA SPINTA” E CONTRO GLI “OSPEDALI UNICI PROVINCIALI E RELATIVI PRONTO SOCCORSO UNICI”, che, ne siamo certi,tagliando, per la copertura della proposta stessa, costi inutili relativi al sovraffollato settore Amministrativo ed Amministrativo Dirigenziale e non pagando l’esoso affitto di un annunciato Project financing per l’Ospedale Unico Provinciale,equilibrera’la protezione della salute nell’intero territorio marchigiano.Le rimettiamo ancora una volta tale nostra proposta allegata alla presente.

In relazione a tutto cio’ sopra detto ci permettiamo di pregarla e ripregarla , di adottare i seguenti vitali provvedimenti:

  1. Sospendere a tempo indeterminato la valutazione Ministeriale a garanzia della sostenibilita’ economica del Project financing presentato da una Associazione di Imprese capeggiata dalla ditta RENCO, relativamente alla realizzazione dell’Ospedale Unico Provinciale a Muraglia fraz.di Pesaro.Tale iniziativa ha comportato un preciso appello all’ANAC, ed al Suo Ministero(Nucleo di valutazione e di verifica degli investimenti Pubblici), da parte dei Consiglieri Comunali 5 Stelle di Fano.
  2. Non erogare alla Regione Marche( il cui Governatore ha dichiarato, in una Assemblea di Partito, di averne fatto richiesta, a riguardo della solo Ospedale Unico di Muraglia di Pesaro) alcun finanziamento riveniente dalla cifre di 1 miliardo stanziata per il 2019 dal suo Ministero per l’edilizia Ospedaliera
  3. REVOCA immediata del (PER NOI E PER TANTISSIMI) disastroso Decreto 70 Balduzzi del disastroso Governo Monti
  4. REVOCA IMMEDIATA del DLG. 502 DEL LORENZO e ridiscussione ex novo del rapporto pubblico/privato, basandosi nel veto di usufruire, da parte del privato, di immobili e macchinari pubblici.
  5. EMANAZIONE rapida di un DECRETO MINISTERIALE COMPORTANTE LA RIAPERTURA DI TUTTI GLI OSPEDALI ESISTENTI IL 31.12.2010, al fine di ritornare ad una equilibrata sanita’ policentrica e filtrante che cambi totalmente la sfasciata sanita’ Nazionale( e quindi Regionale) creata “da altri”.

Non Le nascondiamo che solo su di Lei Sig.ra Ministro, esponente di un “GOVERNO DEL CAMBIAMENTO”, sperando che tale “cambiamento vero ” si veda anche in nuove linee guida Nazionali sulla Sanita’ ospedaliera diffusa, si basano le nostre ultime ed uniche speranze di equilibrio e di giustizia, autenticamente in linea con l’Art.32 della Costituzione Italiana da tanti politici , ormai, oggi ignorato.

La ringraziamo per la Sua ulteriore attenzione ed, aspettando una sua nota di risposta rassicurativa e d’impegno fattivo verso tutte le nostre precise richieste, Le porgiamo i piu’ rispettosi e distinti saluti.

CARLO RUGGERI

Presidente del Comitato pro Ospedali Pubblici MARCHE

ALLEGATO: Proposta del Comitato Pro Ospedali Pubblici MARCHE alle ISTITUZIONI.

Category:

Montefeltro Tv

Tags:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*